Vai al contenuto

4

Ciaooo!!

Questo è il racconto di un mio sogno di quasi 2 anni fa, ma che mi "rimbomba" nella testa da allora.

Mi sveglio in una camera piccola, angusta, con le pareti giallo canarino, alla mia sinistra c'è una scrivania vuota, le finestre hanno le tapparelle abbassate; mi alzo, non sono pigiama, ma con degli altri abiti che non ricordo, apro la porta e mi ritrovo nel salotto sempre giallo con dei divanetti neri, la cucina è lì di fronte. Su uno dei divani c'è una signora che piange e culla una neonata, mi avvicino a lei, che mi consegna la bambina e mi dice: "Salvala, portala lontano." Dopo averlo detto scappa via. Io la seguo camminando lentamente, per non svegliare la piccola, percorro quasi 5 piani e poi arrivò in entrata. Esco e fuori c'è il caos: la gente che urla e scappa, il cielo rosso e nero e i palazzi sono ricoperti da strati di lana che li stringe,come nell'episodio della rivista Topolino : "Paperino e la lana autotessente ⬇️".

D'improvviso affianco a me appare Sergio Sylvestre ( cantante ) che prende la bimba, mi dice che si chiama Nora e che sa dove possiamo scappare.

Si mette a correre e raggiungiamo una coda di macchine, noi ci passiamo sopra, ma veniamo fermati da un bambino identico ad Heidi che ci chiede di portarlo via con se perché è il fratello di Nora, infatti si somigliano molto. Riprendiamo il nostro cammino.

Dopo ore a scappare Sergio fa un salto e ci ritroviamo nel Magic portal di Lego Movie, rimaniamo lì dentro per un po'.

Appena ne usciamo mi accorgo di essere su una nuvola e ci accoglie Gandalf (Lo Hobbit / Il signore degli anelli) che ci dice:" Il mondo è stato distrutto e voi vivrete per sempre qui."


Poi mi sono svegliata e se ci penso ora mi viene in mente la scena in cui Atlas e Axis vengono lasciati nel "mondo dei topi ".


Ringrazio Sara Provasi, di Atti effimeri di comunicazione.

Anna.

3

Ieri è finalmente finita la scuola!

Non ne potevo più, studia, fai i compiti, ripassa, prepara la cartella... ero esausta! Ma adesso è finita, anzi sono finite le elementari, a settembre mi aspettano le medie: sarà un ambiante nuovo, nuovi compagni, nuovi maestre, no, scusate, nuovi professori....

Un po' mi dispiace, perché mollerò tutti i miei amici e sarò da sola, però non significa che "paese che vieni, paese che va", i miei amici mi hanno promesso di rimanere sempre insieme, perciò....

Comunque..

Alla mia mamma piace viaggiare al mare, e poi nuotare.

Alla mia mamma piace mangiare, ma poi va camminare.

Alla mia mamma piace leggere i libri di storia, e poi spiegarli.

Alla mia mamma piace fare la guida turistica, e poi è felice.

Alla mia mamma piace coccolarmi, per fortuna.

Alla mia mamma voglio 2 nane rosse, 14 blu e 2000000 di super giganti rosse di BENE!

Baci per la mia mamma

Anna

In una camminata, che portava al Castello di Alta Guardia a Bresimo (TN), incontrammo una signora, più o meno di sessantacinque anni, che lavava i panni nella fontana.

Aveva il grembiule bagnato e strofinava i suoi panni sul marmo, liscio, della fontana; il papà si fermò e le porse delle domande sul perché lavasse i vestiti così, lei gli rispose che le piaceva e che poi ,sebbene avesse una lavatrice funzionante, era "affezionata" a questa attività, perché aveva cominciato da piccola.

Così, la salutammo e decisi di ... ricordarmi lei e il paesino.

AnnA

A me piace l'amore,

anche quello racchiuso nel cuore,

a me piace lo spazio,

soprattutto Urano,

a me piace far baccano 

e divertirmi,

a me piace stupirmi

con le cose che non sapevo fare,

a me piace abbracciare tutti,

anche quelli brutti,

a me piace la musica

con cui mi sento unica,

a me piace amare e per sempre 

SOGNARE!!!